PARADISO AMARO: la recensione

Matt King é un’ avvocato di Honolulu cinquantenne che ha passato gran parte della vita dietro una scrivania e ha visto passare il tempo davanti a se. Ma sarà costretto a (ri)mettersi in discussione come padre e come uomo dopo che la moglie è entrata in coma per un incidente in barca. Matt dovrà ricucire i rapporti con le figlie adolescenti e instaurare un’inesistente autorità di padre. La piccola e incontrollabile Scottie gli procura non pochi problemi, ma è la maggiore e ormai ventenne Alexandra che stravolge il padre, rivelandogli che la moglie lo tradiva e aveva anche intenzione di chiedere il divorzio. Matt, infuriato e confuso per l’inaspettata notizia, poi sempre più cosciente di non essergli stato mai accanto, tanto che non si era mai accorto di niente, man mano che passano le scene si rimbocca le maniche e parte per la ricerca dell’uomo con cui lo tradiva la moglie e che presumibilmente amava, allo scopo di riferirgli le condizioni terminali della donna e fare l’ultima cosa utile per lei, come piccola redenzione personale.

Alexander Payne dimostra ancora una volta di saper dirigere del gran cinema adulto e maturo. Paradiso Amaro è un’opera che tratta delicatamente i doveri e le attenzioni familiari. Matt non è mai stato abituato a crescere le figlie e non sa farlo, se non in modo finanziaro. Le figlie inizialmente lo detestano e, quella più grande soprattutto, gli sbattono in faccia parole poco carine. Quindi queste mancanze di doveri da parte di Matt nel corso degli anni hanno portato a gravi disagi interfamiliari. Ormai solo è costretto a rimboccarsi le maniche e fare come può ma scatta la molla nel dare il meglio quando scopre proprio che la moglie lo tradiva. In effetti è così anche nella vita, che ci sbatte in faccia le difficoltà sempre per insegnarci qualcosa, dove diamo il meglio di noi e tiriamo fuori tutto quando siamo davanti ai veri problemi. Le figlie in cuor loro sono dalla parte del padre che comunque non ha mai tradito la loro fiducia a differenza della madre, che non sapremo mai cosa ne pensa nell’indifesa posizione del suo letto d’ospedale. Questa delicatissima situazione si protrae per tutto il film, in ogni discorso e in ogni situazione. Resta in secondo piano la situazione di eredità (I Discendenti del titolo originale) dove Matt e i suoi cugini devono vendere un’immenso terreno incontaminato di un’isola delle Hawaii ad una grande multinazionale per un mucchio di soldi. Tutta la situazione familiare, della moglie e delle figlie fa riflettere Matt, che sembrava il più convinto a ripulirsi dell’eredità per incassare… ma forse è tutto ciò che gli rimane insieme alle figlie.

Scritto dallo stesso Payne, ma tratto dal romanzo Eredi Di Un Mondo Sbagliato, è diretto con intelligenza e un particolare occhio di riguardo per i suoi personaggi comuni ma intensi che intraprendono viaggi quasi purificatori. Payne è un uomo capace di raccontare storie plausibili con houmor pungente e mai fastidioso e nessuno come lui riesce a far interessare il pubblico a situazioni familiari normali o quasi. Si era visto in Election e nel pluripremiato Sideways, ma soprattutto in A Proposito di Schmidt con un grandissimo Jack Nicholson. Entra così facilmente nella storia e nei personaggi che è facile appassionarsi e capirne le emozioni in ogni istante. Questa caratteristica ha fatto si che George Clooney interpretasse uno dei suoi ruoli più riusciti assieme a Fratello Dove Sei? dei fratelli Coen, riuscendo però qui a toccare corde piuttosto forti a livello emozionale.

 

A dimostranza di tale bravura il film, passato per i Festival di Toronto e Torino, sta ricevendo consensi in lungo e in largo come le 5 candidature agli Oscar, i 2 Golden Globes (Miglior Film Drammatico e Miglior Attore Drammatico), Miglior Film per il Los Angeles Film Critic Association, Miglior Sceneggiatura non originale per l’associazione degli sceneggiatori di Hollywood, il 90% di recensioni positive sul sito di critica rottentomatoes.com e rientra in 3 liste dei National Board of Review come miglior film, miglior attore e migliore attrice non protagonista alla ventenne Shailene Woodley, la bravissima e arguta sorella maggiore.

I paesaggi hawaiiani che di solito vediamo in immagini da cartolina in questo film vengono mostrati con eguale bellezza ma insolita luce, rendendoli più interessanti perchè più vicini alla realtà. La bellezza c’è anche nei periodi amari, fotografati benissimo da Phedon Papamichael che non ci mostra la solita luce che associamo a questi posti paradisiaci, ma rende appieno l’idea del titolo (italiano) e delle parole di Clooney di inizio film (vedi sotto), nonchè alla base delle emozioni dei personaggi, incorniciate da malinconiche musiche hawaiiane.

ScappoDammit

Candidato a 5 premi Oscar: Miglior Film, Miglior Regia, Miglior Attore (George Clooney), Miglior Sceneggiatura Non Originale e Miglior Montaggio
La Frase: “I miei amici credono che solo perchè abito alle Hawaii io viva in paradiso, passando il tempo a bere Mai-tai e fare surf. Sono 15 anni che non salgo su una tavola da surf.”

La Scena Clou: Clooney che confessa alla figlia immersa nell’acqua putrida della piscina di casa che la madre morirà e lei subito dopo gli dice che lo tradiva da tempo.
Voto: 9

Annunci

One thought on “PARADISO AMARO: la recensione

  1. Pingback: Riflessioni sul cinema del 2012. I 10 migliori film dell’anno: | Toby Dammit

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...