I vincitori degli SnapOscar – gli Oscar Toby Dammit

Prima di lasciarvi al delirio cinematografico estivo pubblichiamo gli ancora inediti vincitori degli Oscar Toby Dammit, assegnati dal nostro cineclub e dai nostri spettatori ai migliori film proiettati al cinema Snaporaz durante tutto l’arco del 2011:
(in grassetto i vincitori)

  • Miglior Film: 
  • -Animal Kingdom
  • -The Artist
  • -Carnage
  • -Il Cigno Nero
  • -La Donna Che Canta
  • -Drive
  • -Melancholia
  • -This Is England
  • -Tournèe
  • -The Tree of Life
  • Miglior Regia:
  • -Mathieu Amalric (Tournèe)
  • -Darren Aronofsky (Il Cigno Nero)
  • -Michel Hazanavicius (The Artist)
  • -Terrence Malick (The Tree of Life)
  • -Nicolas Winding Refn (Drive)
  • Miglior Film Italiano: 
  • -Boris – Il Film
  • -Habemus Papam
  • -Scialla!
  • -Terraferma
  • -L’ Ultimo Terrestre
  • Miglior Regista Italiano:
  • -Gianni Amelio (Gianni E Le Donne)
  • -Emanuele Crialese (Terraferma)
  • -Andrea Molaioli (Il Gioiellino)
  • -Nanni Moretti (Habemus Papam)
  • -Gianni “Gipi” Pacinotti (L’ Ultimo Terrestre)
  • Miglior Attore:
  • -Jean Dujardin (The Artist)
  • -Colin Firth (Il Discorso del Re)
  • -Ryan Gosling (Drive)
  • -Michel Piccoli (Habemus Papam)
  • -Cristoph Waltz (Carnage)
  • Miglior Attrice:
  • -Kirsten Dunst (Melancholia)
  • -Julianne Moore  (I Ragazzi Stanno Bene)
  • -Carey Mulligan (Drive)
  • -Natalie Portman (Il Cigno Nero)
  • -Kate Winslet (Carnage)
  • Miglior Attore Non Protagonista:
  • -Christian Bale (The Fighter)
  • -Stephen Graham (This Is England)
  • -Viggo Mortensen (A Dangerous Method)
  • -Geoffrey Rush (Il Discorso del Re)
  • -Uggie il cane (The Artist)
  • Miglior Attrice Non Protagonista:
  • -Berenice Bejo (The Artist)
  • -Julie Ferrier (L’esplosivo Piano di Bazil)
  • -Mila Kunis (Il Cigno Nero)
  • -Mimi Le Meaux (Tournèe)
  • -Jacki Weaver (Animal Kingdom)
  • Miglior Sceneggiatura:
  • -The Artist
  • -Animal Kingdom
  • -Carnage
  • -La Donna Che Canta
  • -Melancholia
  • Miglior Fotografia:
  • -The Artist
  • -Il Cigno Nero
  • -Drive
  • -Tournèe
  • -The Tree of Life
  • Miglior Colonna Sonora:
  • -The Artist
  • -Drive
  • -One Day
  • -This Is England
  • -When You’re Strange
  • Miglior Documentario: 
  • -Pina, di Wim Wenders
  • -When You’re Strange, di Tom DiCillo
  • -Questa Storia Qua, di Alessandro Paris e Sibylle Righetti.
  • -Tahrir Liberation Square, di Stefano Savona
  • -Isola Delle Rose, di Stefano Bisulli e Roberto Naccari
  • Miglior Film D’Animazione: 
  • -Arrietty – Il Mondo Segreto Sotto il Pavimento
  • -Le Avventure di Sammy
  • -Happy Feet 2
Migliori Scene Romantiche/D’Amore:
-I Ragazzi Stanno Bene, Julianne Moore e Annette Bening  (http://www.youtube.com/watch?v=NooZclTKDAs)
-This Is England, Thomas Turgoose e Rosamund Hanson   (http://www.youtube.com/watch?v=ep0G6F8UNxk)
-The Artist, Berenice Bejo e Jean Dujardin
-Il Cigno Nero, Mila Kunis e Natalie Portman
-Drive, Ryan Gosling e Carey Mulligan
Migliori Monologhi:
-Il Discorso del Re, Colin Firth
-This Is England, Stephen Graham
-The Tree of Life, Brad Pitt
-Drive, Ryan Gosling
-The Fighter, Christian Bale
Migliori Scene Comiche:
-Nessuno Mi Può Giudicare “Lezioni di escort”
-Qualunquemente “Lo scontrino fiscale”
-Boris – Il Film “Natale al Polo Nord”
-Boris – Il Film “Piano sequenza con Gianfranco Fini”          (http://www.youtube.com/watch?v=rfVN6JpUOjA)
-Scialla! “L’ira di Achille”
Elenco completo dei film proiettati nel 2011:
  • Film di calendario:
  • L’ESPLOSIVO PIANO DI BAZIL
  • TAMARA DREWE
  • IN UN MONDO MIGLIORE
  • QUALUNQUEMENTE
  • ANOTHER YEAR
  • GIANNI E LE DONNE
  • IL DISCORSO DEL RE
  • IL GIOIELLINO
  • NESSUNO MI PUO’ GIUDICARE
  • I RAGAZZI STANNO BENE
  • BORIS – IL FILM
  • HABEMUS PAPAM
  • L’ALTRA VERITA’
  • LIMITLESS
  • UN PERFETTO GENTILUOMO
  • TERRAFERMA
  • L’ULTIMO TERRESTRE
  • LA PELLE CHE ABITO
  • A DANGEROUS METHOD
  • BAR SPORT
  • MELANCHOLIA
  • QUANDO LA NOTTE
  • LA KRYPTONITE NELLA BORSA
  • ONE DAY
  • PINA
  • IL GIORNO IN PIU
  • SCIALLA!
  • MIRACOLO A LE HAVRE
  • THE ARTIST
  • ARRIETY
  • HAPPY FEET 2
  • Film in rassegna:
  • ANIMAL KINGDOM
  • TOURNEE’
  • SORELLE MAI
  • IL CIGNO NERO
  • LADRI DI CADAVERI
  • LA DONNA CHE CANTA
  • IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA
  • THE TREE OF LIFE
  • THE FIGHTER
  • WHEN YOU’RE STRANGE
  • THIS IS ENGLAND
  • QUESTA STORIA QUA
  • CARNAGE
  • TAHRIR LIBERATION SQUARE
  • DRIVE
  • ISOLA DELLE ROSE

SnapOscar 2012 – gli Oscar Toby Dammit

Subito dopo gli Oscar hollywoodiani vi proponiamo un simpatico passatempo: gli SnapOscar 2012!
I film presi in considerazione sono tutti quelli proiettati al Cinema Salone Snaporaz dall’ 1 Gennaio al 31 Dicembre 2011 (la lista completa è a fondo pagina).
I titoli nominati sono stati selezionati dai membri del cineclub Toby Dammit (considerateli anche come nostri consigli per le vostre visioni casalinghe).

E’ possibile votare da oggi fino alla mezzanotte di Lunedi 5 Marzo. Il giorno seguente saranno resi noti i vincitori.

Buon Divertimento! 
SnapOscar 2012 – gli Oscar Toby Dammit
I migliori film proiettati al Salone Snaporaz nel 2011:
Miglior Film: 
-Animal Kingdom
-The Artist
-Carnage
-Il Cigno Nero
-La Donna Che Canta
-Drive
-Melancholia
-This Is England
-Tournèe
-The Tree of Life
Miglior Regia:
-Mathieu Amalric (Tournèe)
-Darren Aronofsky (Il Cigno Nero)
-Michel Hazanavicius (The Artist)
-Terrence Malick (The Tree of Life)
-Nicolas Winding Refn (Drive)
Miglior Film Italiano: 
-Boris – Il Film
-Habemus Papam
-Scialla!
-Terraferma
-L’ Ultimo Terrestre
Miglior Regista Italiano:
-Emanuele Crialese (Terraferma)
-Gianni Di Gregorio (Gianni E Le Donne)
-Andrea Molaioli (Il Gioiellino)
-Nanni Moretti (Habemus Papam)
-Gianni “Gipi” Pacinotti (L’ Ultimo Terrestre)
Miglior Attore:
-Jean Dujardin (The Artist)
-Colin Firth (Il Discorso del Re)
-Ryan Gosling (Drive)
-Michel Piccoli (Habemus Papam)
-Cristoph Waltz (Carnage)
Miglior Attrice:
-Kirsten Dunst (Melancholia)
-Julianne Moore  (I Ragazzi Stanno Bene)
-Carey Mulligan (Drive)
-Natalie Portman (Il Cigno Nero)
-Kate Winslet (Carnage)
Miglior Attore Non Protagonista:
-Christian Bale (The Fighter)
-Stephen Graham (This Is England)
-Viggo Mortensen (A Dangerous Method)
-Geoffrey Rush (Il Discorso del Re)
-Uggie il cane (The Artist)
Miglior Attrice Non Protagonista:
-Berenice Bejo (The Artist)
-Julie Ferrier (L’esplosivo Piano di Bazil)
-Mila Kunis (Il Cigno Nero)
-Mimi Le Meaux (Tournèe)
-Jacki Weaver (Animal Kingdom)
Miglior Sceneggiatura:
-The Artist
-Animal Kingdom
-Carnage
-La Donna Che Canta
-Melancholia
Miglior Fotografia:
-The Artist
-Il Cigno Nero
-Drive
-Tournèe
-The Tree of Life
Miglior Colonna Sonora:
-The Artist
-Drive
-One Day
-This Is England
-When You’re Strange
Miglior Documentario: 
-Pina, di Wim Wenders
-When You’re Strange, di Tom DiCillo
-Questa Storia Qua, di Alessandro Paris e Sibylle Righetti.
-Tahrir Liberation Square, di Stefano Savona
-Isola Delle Rose, di Stefano Bisulli e Roberto Naccari
Miglior Film D’Animazione: 
-Arrietty – Il Mondo Segreto Sotto il Pavimento
-Le Avventure di Sammy
-Happy Feet 2
PREMI SPECIALI MIGLIORI SCENE (Le scene sono visibili nei link tra parentesi)
Miglior Scena Romantica/D’Amore:
-I Ragazzi Stanno Bene, Julianne Moore e Annette Bening  (http://www.youtube.com/watch?v=NooZclTKDAs)
-This Is England, Thomas Turgoose e Rosamund Hanson   (http://www.youtube.com/watch?v=ep0G6F8UNxk)
-The Artist, Berenice Bejo e Jean Dujardin  (http://www.youtube.com/watch?v=SmPt9il-Tdo)
-Il Cigno Nero, Mila Kunis e Natalie Portman   (http://www.youtube.com/watch?v=0y6MiyPa7fA)
-Drive, Ryan Gosling e Carey Mulligan     (http://www.youtube.com/watch?v=-_wlyIHRJT4)
Miglior Monologo:
-Il Discorso del Re, Colin Firth         (http://www.youtube.com/watch?v=j6ULEIZHB3A&feature=related)
-This Is England, Stephen Graham     (http://www.youtube.com/watch?v=NQ4yIDYz7Es)
-The Tree of Life, Brad Pitt         (http://www.youtube.com/watch?v=ItMDNIZDvX0&feature=relmfu)
-Drive, Ryan Gosling        (http://www.youtube.com/watch?v=gG8dp6UsluE)
-The Fighter, Christian Bale        (http://www.youtube.com/watch?v=VKDqHnJ6t_Q)
Miglior Scena Comica:
-Nessuno Mi Può Giudicare “Lezioni di escort”        (http://www.youtube.com/watch?v=akCuRMvMuJI)
-Qualunquemente “Lo scontrino fiscale”           (http://www.youtube.com/watch?v=yvX_kImQNJ0)
-Boris – Il Film “Natale al Polo Nord”         (http://www.youtube.com/watch?v=iF0iMLTrPxQ)
-Boris – Il Film “Piano sequenza con Gianfranco Fini”          (http://www.youtube.com/watch?v=rfVN6JpUOjA)
-Scialla! “L’ira di Achille”          (http://www.youtube.com/watch?v=beB5oNgMB4o)
—————————————-
Film di calendario:
L’ESPLOSIVO PIANO DI BAZIL
TAMARA DREWE
IN UN MONDO MIGLIORE
QUALUNQUEMENTE
ANOTHER YEAR
GIANNI E LE DONNE
IL DISCORSO DEL RE
IL GIOIELLINO
NESSUNO MI PUO’ GIUDICARE
I RAGAZZI STANNO BENE
BORIS – IL FILM
HABEMUS PAPAM
L’ALTRA VERITA’
LIMITLESS
UN PERFETTO GENTILUOMO
TERRAFERMA
L’ULTIMO TERRESTRE
LA PELLE CHE ABITO
A DANGEROUS METHOD
BAR SPORT
MELANCHOLIA
QUANDO LA NOTTE
LA KRYPTONITE NELLA BORSA
ONE DAY
PINA
IL GIORNO IN PIU
SCIALLA!
MIRACOLO A LE HAVRE
THE ARTIST
ARRIETY
HAPPY FEET 2
Film di rassegna:
ANIMAL KINGDOM
TOURNEE’
SORELLE MAI
IL CIGNO NERO
LADRI DI CADAVERI
LA DONNA CHE CANTA
IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA
THE TREE OF LIFE
THE FIGHTER
WHEN YOU’RE STRANGE
WE WANT SEX
THIS IS ENGLAND
QUESTA STORIA QUA
CARNAGE
TAHRIR LIBERATION SQUARE
DRIVE
ISOLA DELLE ROSE

Il corto animato che ha vinto l’Oscar: THE FANTASTIC FLYING BOOKS OF MR. MORRIS LESSMORE

Un giovane lettore viene trasportato in una terra abitata da libri volanti. Quando arriva vede volare via una misteriosa ragazza trasportata da uno sciame di libri volanti. Una favola carina accompagnata da belle musiche e farcita di splendidi particolari. Un piacere per gli occhi e la mente.
Il film che ha battuto il nostro pixariano Enrico Casarosa e il suo La Luna è il primo progetto audiovisivo della nuova piccola realtà d’animazione a 360° della Moonbot Studios di William Joyce e Brandon Oldenburg che si era già celata nella produzione di App per iPhone come quella chiamata Bullseye, in cui si interagisce nell’animazione con il sottofondo musicale della band Polyphonic Spree o l’App story/game Numberlys che omaggia il cinema dei tempi di Metropolis e King Kong.

ScappoDammit

I registi Joyce e Oldenburg

THE ARTIST: la recensione del vincitore

All’indomani della consegna dei premi dell’Academy Awards sembra incredibile come un prodotto semplice come un film muto in banco e nero, fuori da ogni abitudine dei giorni nostri e potenzialmente solo per un pubblico cinefilo, abbia potuto battere la concorrenza fatta ti effetti speciali, 3D, computer grafica, stop motion e motion capture più inerenti ai giorni nostri.

Sembra incredibile ma è vero, e fa riflettere, e fa sorridere.

The Artist è stato concepito dal benpensante Michel Hazanavicius, regista di film parodistici girati sempre in lingua francesa e che quindi non aveva mai scavallato le mura nazionali. Ma dalla grande e rischiosa idea di fare un film muto che richiamasse gli anni 20 ha avuto la disponibilità della biblioteca parigina per usufruire di tutti i materiali dell’epoca per studiarne luci, inquadrature, mosse e abiti. Ha pensato bene anche di portare nel suo progetto i suoi seguaci già protagonisti nei suoi precedenti film, la meravigliosa moglie Berenice Bejo e il comico Jean Dujardin. E in effetti la sintonia della coppia si è vista e sentita, lei ha sbrisciato l’Oscar, lui l’ha stravinto battendo gente come George Clooney e Brad Pitt. Il film è sostanzialmente una commedia abbastanza leggera, alcune volte divertente con scene comiche (il solo Dujardin da una bella dose di cabaret) a parte qualche scena veramente forte come la perdita della voce (mentre noi sentiamo il rumore della sedia che cade, quindi il film NON è muto) o il tentato suicidio.

La storia parla di un attore di fine anni ’20 di nome George Valentin della migliore Hollywood mai conosciuta. Ha talento e fans a dismisura, tra cui la bella e giovane Peppy Miller che un giorno, commettendo una gaffe, incontra il bell’attore. Gli anni passano e l’avvento del sonoro irrompe nel mondo del cinema, di conseguenza George e il fedele cagnolino calcano sempre meno le scene. George, contrario a recitare in un film sonoro e convinto che la propria bravura possa essere mostrata senza far sentire la propria voce, cadrà del tutto in disgrazia quando investirà tutti i soldi in un nuovo film che diventa un flop gigantesco. Nello stesso periodo Peppy è diventata una star del cinema (sonoro) ed è una delle poche in sala ad assistere alla proiezione del film di Valentin e nonostante il tempo trascorso non si è scordata di lui.

La bravura di Hazanavicius sceneggiatore è nel non aver irrigidito troppo la storia visto già il fatto dell’essere muto in tempi troppo moderni. Invece la bravura di Hazanavicius regista che lo ha portato a vincere l’Oscar sta nella credibilità con cui ha trasposto il film. Se lo proiettavano ad un pubblico esperto convinto che fosse un film degli anni ’20 ci sarebbero cascati? Io credo di si e anche se non sono espertissimo in materia penso abbia mantenuto i canovacci dell’epoca, già a partire dalle inquadrature abbastanza fisse che compiono brevi movimenti e piani americani molto frequenti fino alle recitazioni calcatissime dei bravissimi attori. La fotografia era una parte fondamentale e Guillaume Schiffman l’ha perfettamente dipinta come si faceva un tempo, per non parlare della meravigliosa colonna sonora di Ludovic Bource premiato con l’Oscar il cui motivetto principale è strausato (giustamente) durante il film.

Il film è stato un successo di pubblico e critica, quasi tutti quelli che lo hanno visto lo hanno amato (sono passati 2 mesi dall’uscita nelle sale) anche se non ha fatto grandissimi incassi ma visto il prodotto sono ottimi con gli 80 milioni di dollari in tutto il mondo (quasi metà solo in Francia) anche grazie alla spinta distribuzionale di Harvey Weinstein. Oltre ai 5 Oscar accaparrati The Artist ha vinto anche i più prestigioni premi di ogni festival a dimostrare che non è un caso il fatto di stare ancora qui a parlarne dopo 2 mesi dall’uscita. A cominciare dal premio per la miglior intepretazione maschile al Festival di Cannes (ma battuto da The Tree of Life per la Palma D’Oro al quale ha ora restituito il favore) si è aggiudicato 3 Golden Globe tra cui miglior film e attore, 7 premi BAFTA tra cui miglior film, regia e attore, 6 premi Cèsar tra cui miglior film, regia e attrice, risulta tra i 10 migliori film dell’anno per la National Board of Review, la media del 97% nel sito di critica rottentomatoes.com, 4 premi agli Indipendent Spirit Award tra cui miglior film, regia e attore più decine di altri premi di associazioni, festival o società.

ScappoTheArtistDammit

 

Un video per gli snobbati agli Oscar

Video potente e bello grazie alla musica accompagnatrice di Michael Giacchino tratta da Super 8 e ovviamente snobbata agli Oscar.
Tra i film del video ci sono i già citati Shame, Millennium, J.Edgar, Drive, Tintin, Warrior, ma anche altri titoli indirizzati per certe categorie come E Ora Parliamo di Kevin per la struggente Tilda Swinton o i vari Red State, 50/50, Hannah, Marta Marcy May Marlene, Take Shelter, Harry Potter e il documentario Senna.

Enjoy!

L’Oscar del 2012 è muto. Vince The Artist!

Non succedeva dai tempi di Wings, ovvero dalla primissima edizione degli Oscar datata 1929 che non vinceva un film muto!

La serata ha riservato qualche sorpresa ma in linea massima è andata come doveva andare con il film francese che ha conquistato le statuette più importanti, riuscendo ad aggiudicarsene 5, oltre a Miglior film anche alla regia perfetta di Hazanavicius che ha studiato ogni particolare del cinema muto nella biblioteca di Parigi, ma anche come miglior attore al buffo Jean Dujardin (abbastanza teso durante il gala) rimasto in ballo fino all’ultimo con Clooney, miglior colonna sonora e migliori costumi. Stesso numero di Oscar (5) per Hugo Cabret ma in categorie inferiori anche se un po’ a sorpresa, su tutte la fotografia (era favorito The Tree of Life) e gli effetti speciali dove c’erano grandi contendenti, più il meritatissimo Oscar per le scenografie a Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo che portano un po’ di orgoglio nazionale e un forte messaggio della donna: “This is for Martin and for Italy!”. Conclude con i minori miglior sonoro e montaggio sonoro.

Addirittura al terzo posto per numero di vittorie c’è The Iron Lady che si porta a casa 2 Oscar su 2 grazie all’intramontabile Maryl Streep e il suo truccatore che la segue e “trasforma” da più di 30 anni, meritatissimi premi per un film non proprio riuscito. 3° Oscar in carriera per la Streep.
Chiudono i premi 8 film con 1 Oscar a testa:
Paradiso Amaro per la favolosa sceneggiatura adattata di Alexander Payne,
Millennium – Uomini che Odiano le Donne per il montaggio che non lascia respiro,
Midnight In Paris per la sceneggiatura originale di perfetto stampo alleniano,
The Help per la straripante ma commossa Octavia Spencer come attrice non protagonista che batte l’altra candidata Jessica Chastain,
Beginners per il non protagonista Christopher Plummer che diventa il più anziano vincitore di un Oscar,
l’iraniano Una Separazione eccelle secondo copione tra i film stranieri,
Rango che vince meritatamente come miglior film animato
e infine I Muppet per un’insulsa categoria di miglior canzone che lo vedeva opposto solo a Rio.

A quota zero quindi rimangono L’Arte di Vincere di Bennett Miller dalla grande sceneggiatura e interpretazioni di Pitt e Hill nonostante le 6 nomination, War Horse di Spielberg auspicabile outsider anch’esso con 6 candidature, The Tree of Life rimasto però quasi derubato dalla fotografia candida e al naturale di Lubezki, Albert Nobbs con Glenn Close battuta in recitazione e trucco dalla Streep e perdente anche nella categoria di attrice non protagonista con la buona Janet McTeer ed infine La Talpa con tre categorie a vuoto.

Come miglior documentario a sorpresissima perde Pina a discapito dell’americanissimo Undefeated, storia di una perdente squadra di football americano che incomincia a macinare vittorie. Il miglior corto documentario va a Saving Face, racconto di donne pakistane che perdono la dignità e il viso per colpa degli acidi ma cercano il riscatto grazie a persone pronte ad aiutarle. Il miglior corto è nordirlandese ed è per The Shore storia di due taglialegna divisi dai propri ideali. Peccato per l’occasione sfumata di vincere il 2° Oscar italiano della serata con Enrico Casarosa e il suo cortometraggio d’animazione prodotta in casa Pixar, La Luna, a discapito del formidabile The Fantastic Flying Books of Mr. Morris Lessmore.

ScappoDammit

Miglior Film
“The Artist” Thomas Langmann, Producer
“The Descendants” Jim Burke, Alexander Payne and Jim Taylor, Producers
“Extremely Loud & Incredibly Close” Scott Rudin, Producer
“The Help” Brunson Green, Chris Columbus and Michael Barnathan, Producers
“Hugo” Graham King and Martin Scorsese, Producers
“Midnight in Paris” Letty Aronson and Stephen Tenenbaum, Producers
“Moneyball” Michael De Luca, Rachael Horovitz and Brad Pitt, Producers
“The Tree of Life” Nominees to be determined
“War Horse” Steven Spielberg and Kathleen Kennedy, Producers

Miglior Attore Protagonista
Demián Bichir in “A Better Life”
George Clooney in “The Descendants”
Jean Dujardin in “The Artist”
Gary Oldman in “Tinker Tailor Soldier Spy”
Brad Pitt in “Moneyball”

Miglior Attore non Protagonista
Kenneth Branagh in “My Week with Marilyn”
Jonah Hill in “Moneyball”
Nick Nolte in “Warrior”
Christopher Plummer in “Beginners”
Max von Sydow in “Extremely Loud & Incredibly Close”

Miglior Attrice Protagonista
Glenn Close in “Albert Nobbs”
Viola Davis in “The Help”
Rooney Mara in “The Girl with the Dragon Tattoo”
 Meryl Streep in “The Iron Lady”
Michelle Williams in “My Week with Marilyn”

Miglior Attrice non Protagonista
Bérénice Bejo in “The Artist”
Jessica Chastain in “The Help”
Melissa McCarthy in “Bridesmaids”
Janet McTeer in “Albert Nobbs”
Octavia Spencer in “The Help”

Miglior film d’animazione
“A Cat in Paris” Alain Gagnol and Jean-Loup Felicioli
“Chico & Rita” Fernando Trueba and Javier Mariscal
“Kung Fu Panda 2” Jennifer Yuh Nelson
“Puss in Boots” Chris Miller
“Rango” Gore Verbinski

Miglior Regia
 “The Artist” Michel Hazanavicius
“The Descendants” Alexander Payne
“Hugo” Martin Scorsese
“Midnight in Paris” Woody Allen
“The Tree of Life” Terrence Malick

Scenografia
“The Artist”
Production Design: Laurence Bennett; Set Decoration: Robert Gould
“Harry Potter and the Deathly Hallows Part 2”
Production Design: Stuart Craig; Set Decoration: Stephenie McMillan
“Hugo”
Production Design: Dante Ferretti; Set Decoration: Francesca Lo Schiavo
“Midnight in Paris”
Production Design: Anne Seibel; Set Decoration: Hélène Dubreuil
“War Horse”
Production Design: Rick Carter; Set Decoration: Lee Sandales

Fotografia
“The Artist” Guillaume Schiffman
“The Girl with the Dragon Tattoo” Jeff Cronenweth
 “Hugo” Robert Richardson
“The Tree of Life” Emmanuel Lubezki
“War Horse” Janusz Kaminski

Costumi
“Anonymous” Lisy Christl
“The Artist” Mark Bridges
“Hugo” Sandy Powell
“Jane Eyre” Michael O’Connor
“W.E.” Arianne Phillips

Documentario
“Hell and Back Again”
Danfung Dennis and Mike Lerner
“If a Tree Falls: A Story of the Earth Liberation Front”
Marshall Curry and Sam Cullman
“Paradise Lost 3: Purgatory”
Charles Ferguson and Audrey Marrs
“Pina”
Wim Wenders and Gian-Piero Ringel
 “Undefeated”
TJ Martin, Dan Lindsay and Richard Middlemas

Cortometraggio documentario
“The Barber of Birmingham: Foot Soldier of the Civil Rights Movement”
Robin Fryday and Gail Dolgin
“God Is the Bigger Elvis”
Rebecca Cammisa and Julie Anderson
“Incident in New Baghdad”
James Spione
“Saving Face”
Daniel Junge and Sharmeen Obaid-Chinoy

“The Tsunami and the Cherry Blossom”
Lucy Walker and Kira Carstensen

Montaggio
“The Artist” Anne-Sophie Bion and Michel Hazanavicius
“The Descendants” Kevin Tent
 “The Girl with the Dragon Tattoo” Kirk Baxter and Angus Wall
“Hugo” Thelma Schoonmaker
“Moneyball” Christopher Tellefsen

Migliore Sceneggiatura originale
“The Artist” Written by Michel Hazanavicius
“Bridesmaids” Written by Annie Mumolo & Kristen Wiig
“Margin Call” Written by J.C. Chandor
“Midnight in Paris” Written by Woody Allen
“A Separation” Written by Asghar Farhadi

Miglior Sceneggiatura non originale
  “The Descendants” Screenplay by Alexander Payne and Nat Faxon & Jim Rash
“Hugo” Screenplay by John Logan
“The Ides of March” Screenplay by George Clooney & Grant Heslov and Beau Willimon
“Moneyball” Screenplay by Steven Zaillian and Aaron Sorkin  Story by Stan Chervin
“Tinker Tailor Soldier Spy” Screenplay by Bridget O’Connor & Peter Straughan

Miglior film straniero
“Bullhead” Belgio
“Footnote” Israele
“In Darkness” Polonia
“Monsieur Lazhar” Canada
“A Separation” Iran

Trucco
“Albert Nobbs”
Martial Corneville, Lynn Johnston and Matthew W. Mungle
“Harry Potter and the Deathly Hallows Part 2”
Edouard F. Henriques, Gregory Funk and Yolanda Toussieng
“The Iron Lady”
Mark Coulier and J. Roy Helland

Effetti speciali visivi
“Harry Potter and the Deathly Hallows Part 2”
Tim Burke, David Vickery, Greg Butler and John Richardson
“Hugo”
Rob Legato, Joss Williams, Ben Grossman and Alex Henning

“Real Steel”
Erik Nash, John Rosengrant, Dan Taylor and Swen Gillberg
“Rise of the Planet of the Apes”
Joe Letteri, Dan Lemmon, R. Christopher White and Daniel Barrett
“Transformers: Dark of the Moon”
Scott Farrar, Scott Benza, Matthew Butler and John Frazier

Montaggio del suono
“Drive” Lon Bender and Victor Ray Ennis
“The Girl with the Dragon Tattoo” Ren Klyce
 “Hugo” Philip Stockton and Eugene Gearty
“Transformers: Dark of the Moon” Ethan Van der Ryn and Erik Aadahl
“War Horse” Richard Hymns and Gary Rydstrom

Effetti sonori
“The Girl with the Dragon Tattoo”
David Parker, Michael Semanick, Ren Klyce and Bo Persson
“Hugo”
Tom Fleischman and John Midgley

“Moneyball”
Deb Adair, Ron Bochar, Dave Giammarco and Ed Novick
“Transformers: Dark of the Moon”
Greg P. Russell, Gary Summers, Jeffrey J. Haboush and Peter J. Devlin
“War Horse”
Gary Rydstrom, Andy Nelson, Tom Johnson and Stuart Wilson

Colonna sonora
“The Adventures of Tintin” John Williams
“The Artist” Ludovic Bource
“Hugo” Howard Shore
“Tinker Tailor Soldier Spy” Alberto Iglesias
“War Horse” John Williams

Canzone
“Man or Muppet” from “The Muppets” Music and Lyric by Bret McKenzie
“Real in Rio” from “Rio” Music by Sergio Mendes and Carlinhos Brown Lyric by Siedah Garrett

Cortometraggio d’animazione
“Dimanche/Sunday” Patrick Doyon
“The Fantastic Flying Books of Mr. Morris Lessmore” William Joyce and Brandon Oldenburg
“La Luna” Enrico Casarosa
“A Morning Stroll” Grant Orchard and Sue Goffe
“Wild Life” Amanda Forbis and Wendy Tilby

Cortometraggio
“Pentecost” Peter McDonald and Eimear O’Kane
“Raju” Max Zähle and Stefan Gieren
“The Shore” Terry George and Oorlagh George
“Time Freak” Andrew Bowler and Gigi Causey
“Tuba Atlantic” Hallvar Witzø

Speciale Oscar Day: i 9 migliori film

HUGO CABRET
Hugo è un ragazzino orfano che vive nei meandri della stazione ferroviaria di Parigi per aggiustare gli ingranaggi degli immensi orologi ma il suo vero scopo è aggiustare un’automa lasciatogli dal padre, compiendo piccoli furti tra i negozi della stazione. Ma uno di questi negozi è gestito da uno strano vecchietto che si rivelerà essere un’importante figura del cinema di un tempo. 
Martin Scorsese per la prima volta si cimenta in un cinema per famiglie e racconta in chiave favola fantasy una storia che lo ha toccato profondamente già dalla lettura del racconto illustrato di Brian SelznickLa Straordinaria Invenzione di Hugo Cabret, dalla grande forza narrativa resa ancora più solida dalla parte visiva e dal messaggio di amore verso il cinema.
Candidato a 11 Premi Oscar: 
Miglior Film, Miglior Regista, Miglior Sceneggiatura Non Originale, Miglior Fotografia, Miglior Montaggio, Miglior Scenografia, Migliori Costumi, Migliori Effetti Speciali, Migliore Colonna Sonora, Miglior Sonoro, Miglior Montaggio Sonoro.

THE ARTIST
George Valentin è una stella del cinema muto degli anni 20. Ma la sua carriera avrà una brutta svolta con l’avvento del sonoro e con esso la nascita di nuove star, come la giovane e bella Peppy Miller, conosciuta anni prima. 
Grande esercizio di stile e di narrativa di Michel Hazanaviciu per un era moderna che ha dimenticato il bello del bianco e nero e del cinema muto. Credibile in ogni aspetto come la sceneggiatura, le scenografie, la fotografia e le recitazioni di Jean Dujardin e Berenice Bejo. Tutto il resto vien da se.
Candidato a 10 premi Oscar: Miglior Film, Miglior Regia, Miglior Attore (Jean Dujardin), Miglior Attrice Non Protagonista (Berenice Bejo), Miglior Sceneggiatura, Miglior Fotografia, Miglior Montaggio, Miglior Scenografia, Migliori Costumi e Miglior Colonna Sonora.

L’ARTE DI VINCERE
Billy Beane, general manager della squadra di baseball americano Oakland A’s, è stanco di dover rinunciare alla competitività con le maggiori e milionarie squadre così assume un giovane neo laureato in economia per attuare una tattica basata sui calcoli e le percentuali dei giocatori, mettendo su una squadra di non-campioni che possa competere per la vittoria. 
Tutta l’energia della regia del 45enne Bennett Miller è volta all’interpretazione delle star, Brad Pitt su tutti, ma anche Jonah Hill e Philip Seymour Hoffman e l’intelligente sceneggiatura dei maestri Aaron Sorkin e Steven Zaillian che traspare l’essenziale e l’insegnamento che la sconfitta sul campo non implica per forza la propria vittoria personale, contro tutto e tutti.
Candidato a 6 premi Oscar:  Miglior Film, Miglior Attore (Brad Pitt), Miglior Attore Non Protagonista (Jonah Hill), Miglior Sceneggiatura Non Originale, Miglior Montaggio e Miglior Sonoro.

WAR HORSE
Durante l’asta di paese viene venduto un bellissimo ma testardo cavallo al vecchio Ted per il quale spende ogni risparmio. In contrasto con la moglie decide di addestrarlo per farlo lavorare il campo e inizia a prendersene cura il figlio Albert, che instaura un rapporto particolare col cavallo. Ma vista la crisi finanziaria della famiglia il padre decide di vendere il cavallo all’esercito inglese per portarlo sul campo di battaglia della Seconda Guerra Mondiale.
Steven Spielberg dirige solo come lui sa fare, grandi paesaggi, fotografia d’epica e sequenze di guerra formidabili, ma l’innocenza calcata del ragazzo e una storia senza una vera sotto trama e attori di spicco non prende più di tanto.
Candidato a 6 premi Oscar: Miglior Film, Miglior Fotografia, Miglior Scenografia, Miglior Colonna Sonora, Miglior Sonoro e Miglior Montaggio Sonoro.

PARADISO AMARO
Matt King ha la moglie in coma e 2 figlie quasi sconosciute in piena fase adolescenziale. Ma grazie a loro viaggerà per le Hawaii alla ricerca dell’uomo con cui lo tradiva la moglie per riferirgli lo stato della donna. 
Scritto e diretto da Alexander Payne, ma tratto dal romanzo Eredi Di Un Mondo Sbagliato, con intelligenza e un particolare occhio di riguardo per i suoi personaggi comuni ma intensi che intraprendono viaggi quasi purificatori. Payne è un uomo capace di raccontare storie plausibili con houmor pungente e mai fastidioso e nessuno come lui riesce a far interessare il pubblico a situazioni familiari abbastanza comuni.
Candidato a 5 premi Oscar: Miglior Film, Miglior Regia, Miglior Attore (George Clooney), Miglior Sceneggiatura Non Originale e Miglior Montaggio.

THE HELP
La giovane Skeeter, stanca dei soprusi che devono subire le donne nere di Jackson nel Mississipi dalle loro padrone bianche, vuole scrivere un libro di denuncia raccogliendo le testimonianze delle domestiche che però tentennano per la paura che i loro nomi vengano fuori visti gli omicidi razziali del KKK degli anni sessanta. 
Il più grande pregio di questo film è il modo in cui tocca argomenti delicati come il razzismo e l’odio con toni volutamente graziati, lasciando che le immagini parlino da sole. Il tocco più da commedia che da dramma del regista Tate Taylor lascia che il film si guardi e riguardi benissimo, grazie anche alle spettacolari Emma Stone, Viola Davis, Bryce Dallas-Howard, Octavia Spencer e Jessica Chastain.
Candidato a 4 Premi Oscar: Miglior Film, Miglior Attrice (Viola Davis), Miglior Attirci Non Protagoniste (Octavia Spencer e Jessica Chastain)

MIDNIGHT IN PARIS
Owen Wilson
è un rinomato sceneggiatore di Hollywood ma aspira a ben di più: scrivere romanzi. Tra i suoi dubbi e perplessità riguardo le proprie capacità da romanziere cerca spunto nei posti che ispirarono gli artisti degli anni ’20 lungo i boulevard parigini e le rive della Senna. 
Una bella cartolina della capitale francese che punta a piacere facilmente nella via più semplice, senza comunque eccellere e dalla morale alleniana facile su come imparare a vivere il presente. E’ un viaggio nel mondo dell’arte e degli artisti di inizio secolo che ne hanno fatto parte in suolo parigino: Bunuel, Man Ray, Hemingway, Dali e Picasso.
Candidato a 4 premi Oscar: Miglior Film, Miglior Regia, Miglior Sceneggiatura e Miglior Scenografia.

THE TREE OF LIFE
Il film icona del Festival di Cannes che si è portato a casa anche la Palma D’Oro è un turbinio di immagini, suoni e messaggi che incanta lo spettatore grazie alla storia di una famiglia americana degli anni ’50 anticipata da bellissime immagini di creazioni e nascite, dal Big Bang alla vita sulla Terra. Malick nel suo quinto e semi-autobiografico film in quarant’anni, esplora la vita in ogni suo aspetto, ne approfondisce il valore e ce lo mostra con grande stile (fotografico su tutti) ma con carenze narrative e la figura di Sean Penn un po’ trascurata.
Candidato a 3 premi Oscar: Miglior Film, Miglior Regia e Miglior Fotografia.

MOLTO FORTE INCREDIBILMENTE VICINO
Oskar è un ragazzino particolare, intelligente e vivace, che ha perso il padre nell’attacco dell’ 11 Settembre e non riesce a darsi pace neanche dopo un anno dal “giorno peggiore”. Nelle sue memorie lo ricorda come un’ uomo buffo che dispensava consigli ad ogni domanda o perplessità del figlio. Ma una misteriosa chiave nascosta nell’armadio del padre e associata al nome Black fa pensare al ragazzino che possa aprire una serratura misteriosa e che contenga un messaggio del padre (proprio come un Hugo Cabret moderno). 
Storia forte ma regia debole di Stephen Daldry, che enfatizza stilizzando gli avvenimenti e i personaggi attorno a Oskar (un bravissimo Thomas Horn coadiuvato da Tom Hanks e Susan Sarandon) nonchè la memoria dell’ 11 Settembre, descritta con banalissima retorica e dall’estenuante ricerca della lacrima facile. I pochi momenti degni di nota sono in mano al “muto” Max von Sydow e attorno al suo misterioso personaggio.
Candidato a 2 premi Oscar: Miglior Film e Miglior Attore Non Protagonista (Max von Sydow).

ScappOscarDammit